Archivio | giugno 2019

La pazienza

La pazienza, vestale mai sazia

L’impazienza che irrompe i corpi

E squarcia i tempi rallentati

Lì dove la luce ammanta del suo torpore

E stende la sua mano ovattata.

la pazienza

La pazienza, vestale mai sazia

L’impazienza che irrompe i corpi

E squarcia i tempi rallentati

Lì dove la luce ammanta del suo torpore

E stende la sua mano ovattata.

la domanda psichiatrica

La domanda psichiatrica, incentrata sulla comprensione della sofferenza mentale e impegnata nel tentativo di provare a sciogliere i nodi che la intrecciano, dispiega le reali potenzialità dormienti di un sapere che dovrebbe fondare prassi capaci di raschiare i pregiudizi, lo stigma, che caratterizzano il nostro modo di approcciarci a quanto si distanzia dalla norma comune; ma oltre ciò, e per fare ciò, essa deve interrogarsi sui linguaggi comuni, deve provare a definire in cosa consistano i cardini attorno ai quali noi costruiamo le nostre vite. Deve provare a cercare la verità. Non trovarla, giacché non esistono verità valide per ogni longitudine, latitudine e tempi, ma provare a circoscriverla, a pungolarla. Deve porsi, cioè, in un atteggiamento dialettico. Non sarà ciò a produrre automaticamente nuove prassi, ma certamente con ciò può divenire possibile il seminare delle alternative.
La presentazione a questo lavoro di Bleuler, scritta da Antonello Sciacchitano, prelude a tutto ciò. Penso che sarà una lettura molto interessante, ricca di spunti riflessivi e interrogativi da sollecitare.
“In cosa, si chiede Bleuler, il delirio paranoico differisce dai nostri “normali” deliri quotidiani, individuali e collettivi: le fedi religiose, che producono guerre di religione, le ideologie politiche, che producono sanguinose rivoluzioni, le superstizioni magiche, che muovono miliardi nei più disparati movimenti (omeopatia, scientology, fitness…)? In nulla, semplicemente nel grado di certezza. L’idea delirante, persecutoria o megalomane che sia,
indotta per suggestione affettiva individuale o collettiva, è paranoica per la forma, non per il contenuto; è paranoica perché è un’idea tanto certa quanto è incorreggibile. Non proviene dalla realtà empirica; forse è innata, nel senso dell’idealismo classico, e perciò nessuna realtà empirica potrà mai modificarla. La paranoia ignora il dubbio cartesiano. Bleuler tace sull’insorgere e stabilirsi della sua incorreggibilità. Tocca a noi, allora, riprendere e portare avanti il discorso sulla “psicosi intellettuale” per antonomasia, cercando di capire il mistero di come il paranoico riesca là dove l’idealista fallisce: pensare il falso con certezza.”.
Affettività, suggesionabilità, paranoia, Eugen Bleuler. A cura di Antonello Sciacchitano.

-Il falso e il vero-

 
Io pervengo al sapere di una cosa se sia vera per il tramite di due diverse modalità conoscitive:
1) Logica, proposizionale: gli elementi della proposizione concorrono sintatticamente nella verità logica.
2) Esperenziale: vivo/percepisco una sensazione e la rappresentazione che ne ricevo mi conferma la sua verità.
Ora, una proposizione può essere falsa e lo stesso vale per una rappresentazione.
Una proposizione è falsa se gli elementi che la costituiscono non creano semantica. Una rappresentazione è falsa nel momento in cui la percezione che io com-prendo è alterata.
Entrambe le affermazioni presuppongono che esistano degli a priori identificabili con i concetti di vero e di falso.
Esistono, ossia, degli ordini superiori (risultanti sociali), che consentono una definizione il più ampia possibile dell’estensività dei due concetti: i fenomeni giustificati sono ampi entro i limiti di una falsificazione assiomatica. Non esiste ontologicamente il vero e il falso, ma solo come apparati del sociale. Residua qualcosa. Residua il nulla, che è indefinibile. Dove si colloca il nulla nell’esperienza umana? Nel sonno della ragione, nel non sapere. Forse il nulla è fondativo. Noi siamo destinati ad esistere per sapere, sapendo di non poter sapere circa i nostri fondamenti.
Esistere, ex-fuori, sistere-stare.
In tutto ciò dove dove si colloca il falso? Nell’errore. Il falso è uno sbaglio esperibile in una condizione di stare fuori. Dove si colloca il sé? Si colloca nell’esperienza relazionale. E si radica? No, confligge nel movimento dialettico. Si presenta sempre come conflitto, come tensione.
Il sé si percepisce e si rappresenta. Ciò che chiamiamo falso è, in realtà, l’elemento dialettico senza il quale il vero non può essere rappresentato. Perché avvertiamo il falso nella sua qualità di stortura? Perché tendiamo al benessere. Se esiste un benessere, significa che esistono dei riferimenti esterni ai quali fare capo affinché esso esista.
Questi riferimenti sono sottoponibili al vaglio scientifico solo per il tramite della narrazione che si presenti sulla scena in quanto volontà di sapere.

Controvento

“La lettura della poesia è un atto anarchico” Hans M. Enzensberger

samgha.wordpress.com/

Samgha è una rivista culturale attiva in Italia, in Nord America e in Cina. Siamo una comunità di lettori nata nel 2009 e mossa dal desiderio di parlare di libri, e di tutto quello che si muove intorno ai libri, in modo non superficiale. La nostra ambizione è di approfondire la passione della lettura e della scrittura, creando uno spazio aperto alla discussione e alle diverse discipline.

Rassembler ce qui est épars

Le bloc-notes de Pierre Mollier

Left wing communism

NOT an infantile disorder

Latte Riot

Ironia della sorte, ogni guerra comincia sempre di primo mattino

Di terre, pietre, erbe, bestie e persone

Pensieri, immagini e storie dalla montagna dell'uomo

Epidemia di Vita

Il blog raccoglie un coro di voci, storie, esperienze plurali, autentiche, di persone che con vissuti e approcci diversi raccontano questo frangente assurdo che stiamo vivendo, per una narrazione dal basso della contemporaneità

Il Sentiero della Realizzazione

Scegli di crescere almeno dieci volte al giorno

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il Blog si sbriciola facilmente

Oreste Scalzone & complici

...Pensare a rivoltarsi, anche solo ad incrociare le braccia, anche solo a sollevarsi per un po’...(O)

Disse(rta)zioni

.note a margine.

i Feel Betta

Feed your Inner smile!

lo scaffale invisibile

Psicoanalisi e fisica dei quanti