Col sangue agli occhi

George L. Jackson

“Sono stato in rivolta per tutta la vita, scrisse in una sua lettera. E per un giovane nero, cresciuto nel ghetto, la prima rivolta è sempre il crimine. George ebbe la sua prima esperienza con la legge americana a quattordici anni, quando fu arrestato a Chicago per il furto di una borsetta. […]

“La primissima volta fu come morire. Soltanto per esistere in gabbia occorre un grosso riadattamento psichico.

Quella di essere catturato era sempre stata la prima delle mie paure. Può darsi che fosse innata. Poteva essere una caratteristica acquisita nel corso dio secoli di schiavitù nera.” (I fratelli di Soledad. Lettera dal carcere di George Jackson).

La svolta decisiva della sua vita si ebbe quando

“…scoprii Marx, Lenin, Trockij, Engels e Mao, e ne fui redento. Durante i primi quattro anni non studiai altro che economia e discipline militari. Conobbi i guerriglieri neri, George “Big Jake” Lewis, e James Carr, W. L. Nolen, Bill Christmas, Terry Gibson e molti, molti altri. Tentammo di trasformare la mentalità del criminale nero nella mentalità del rivoluzionario nero.” (I fratelli di Soledad. Lettera dal carcere di George Jackson).

“Dobbiamo stare insieme. Dobbiamo essere in condizione di dire ai porci che se non ci servono il mangiare quando è ancora caldo, e se non ci distribuiscono il sapone in tempo, ognuno nella fila comincerà a tirargli in testa qualcosa, e allora le cose cambieranno, e potremo vivere meglio. Ma se continuiamo a combatterci gli uni contro gli altri, un’unità del genere non ce l’avremo mai. Lo dico sempre ai fratelli che ci sono alcuni, tra questi bianchi, che vogliono lavorare con noi contro i porci. Basta che la smettano con le loro chiacchiere da biancuzzi cretini. Se si va avanti con gli scontri razziali, l’unica cosa che ne esce fuori sono dei gruppi fanatici che si combattono tra di loro. Ed è proprio quello che i porci vogliono.” (Intervista inedita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Controvento

“La lettura della poesia è un atto anarchico” Hans M. Enzensberger

samgha.wordpress.com/

Samgha è una rivista culturale attiva in Italia, in Nord America e in Cina. Siamo una comunità di lettori nata nel 2009 e mossa dal desiderio di parlare di libri, e di tutto quello che si muove intorno ai libri, in modo non superficiale. La nostra ambizione è di approfondire la passione della lettura e della scrittura, creando uno spazio aperto alla discussione e alle diverse discipline.

Rassembler ce qui est épars

Le bloc-notes de Pierre Mollier

Left wing communism

NOT an infantile disorder

Latte Riot

Ironia della sorte, ogni guerra comincia sempre di primo mattino

Di terre, pietre, erbe, bestie e persone

Pensieri, immagini e storie dalla montagna dell'uomo

Epidemia di Vita

Il blog raccoglie un coro di voci, storie, esperienze plurali, autentiche, di persone che con vissuti e approcci diversi raccontano questo frangente assurdo che stiamo vivendo, per una narrazione dal basso della contemporaneità

Il Sentiero della Realizzazione

Scegli di crescere almeno dieci volte al giorno

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il Blog si sbriciola facilmente

Oreste Scalzone & complici

...Pensare a rivoltarsi, anche solo ad incrociare le braccia, anche solo a sollevarsi per un po’...(O)

Disse(rta)zioni

.note a margine.

i Feel Betta

Feed your Inner smile!

lo scaffale invisibile

Psicoanalisi e fisica dei quanti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: